Notice
  • Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni
 

Lettere

La conoscenza della storia e della geografia è un'avventura, una scoperta, ma soprattutto è un incontro.
E' una lezione di umanità dove il ragazzo coglie la molteplicità e complessità della realtà e scopre la grandezza della creatività dell'uomo che nei secoli ha saputo adattarsi all'ambiente e creare forme intelligenti di socialità. E' un susseguirsi di avvenimenti, di problemi, di relazioni spazio-temporali che affascina. E' l'idea che l'uomo di oggi nasce e cresce all'interno di esperienze, culture, avvenimenti che trovano la loro origine e vitalità nelle età precedenti. Si scopre così il valore della TRADIZIONE che costituisce ogni popolo ed il nostro in particolare.
Le due discipline sono preziose anche per un altro motivo: sono l'occasione per imparare un serio ed efficace metodo di studio e di lavoro personale.

Guarda la pagina dei docenti

Lo studio della Lingua italiana costituisce la possibilità per i ragazzi di rafforzare anzitutto le abilità di cui sono già dotati: ascoltare, parlare, leggere e scrivere e promuovere la capacità di esprimere una più ricca realtà interiore, ossia il loro pensiero, i loro sentimenti, come segno di una crescente presa di coscienza di sé, degli altri, del mondo.
Nel primo anno il ragazzo è aiutato a prendere coscienza di sé come facente parte di una realtà più grande, soprattutto di una realtà "buona" capace di destare il suo stupore.
In seconda è privilegiata la conoscenza e l'espressività del proprio vissuto.
In terza la competenza linguistica raggiunta viene utilizzata per esprimere con efficacia ed in modo personale una più completa e sicura consapevolezza di sé, uno sguardo sulla realtà più attento e critico alle problematiche esistenti e una conoscenza della cultura e della tradizione letteraria del nostro Paese.
La lettura di brani antologici è un momento stimolante per la riflessione, nel confronto con l'autore, coi compagni e con l'insegnante, oltre che, naturalmente, per l'analisi degli aspetti più prettamente linguistici.
In questo senso è importante scoprire l'ordine della lingua ed i significati dei segni per rendere i ragazzi più consapevoli dell'uso delle regole grammaticali e del rapporto esistente tra le parole che già conoscono.
L'italiano è inoltre da "provare", sperimentare in prima persona: i ragazzi sono chiamati ad elaborare testi personali che, nel tempo, costituiscono anche l'occasione per riflettere sulla propria esperienza e lasciare tracce nella propria maturazione.
Due momenti significativi e "pregni" di gioia e di aspettativa sono l'ora di narrativa e quella di epica in cui la classe è accompagnata dall'insegnante nella lettura di un romanzo o di un poema. L'entusiasmo suscitato da queste ore di lezione ha come conseguenza anche una più rilevante passione per la lettura e la mitologia classica.