Notice
  • Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni
 

Borse di studio "Chicca Tamagnini"

tamagnini

Le "Borse di studio Chicca Tamagnini" sono frutto di donazioni di tanti amici che hanno voluto condividere con Chicca la passione e la bellezza che lei, insieme ai suoi figli e a suo marito, ha incontrato in queste scuole. L'idea di creare un fondo per le borse di studio è nata pensando ad un desiderio che Chicca ha sempre avuto: dare un aiuto concreto ai ragazzi che frequentano queste scuole, in modo che la bellezza e la compagnia che lei aveva incontrato proprio in questo luogo potessero essere per tutti; da qui l'attenzione anche all'aspetto economico. La borsa non è però solo un aiuto economico, ma è una possibilità per chi la riceve di essere presente nella scuola come ha fatto Chicca, contribuendo a mantenerla un luogo di amicizia, dove tutti possano sentirsi davvero accolti e voluti bene.

Le opere che Chicca ha iniziato continuano ancora oggi nelle scuole attraverso le mamme che sono insieme proprio per averla incontrata, legate da un'amicizia che testimonia quello che Chicca ha vissuto prima e durante la sua lunga malattia: il guardare oltre se stessi, ad un Altro che permette che tutto accada.


E' possibile contribuire alle "Borse di studio Chicca Tamagnini" facendo una donazione sul seguente conto corrente

IBAN: IT22 N050 1522 9000 0000 0006 810

INTESTATO A: Tamagnini Libero
Via Emanuele 31, Introbio (LC)

 

"Il ricordo di Chicca che ti viene incontro con il sorriso è un ricordo bello, che ti porti negli anni, che ti contagia e ti porta a trasmettere agli altri questo sorriso. Perché non è importante ciò che facciamo, ma quello che portiamo".
Libero Tamagnini, marito di Chicca

 

"Pensare alla Chicca mi fa sempre sorridere. Insieme abbiamo passato tanto tempo a lavorare per il Banco di Natale, tra chiacchere, consigli e ricette (lei che era la regina!). La sua allegria era contagiosa e, anche nella malattia, non l'ho mai sentita lamentarsi o arrabbiarsi per ciò che le stava succedendo. Portare avanti il suo lavoro senza di lei qui a scuola è stato, per noi, una grande sfida che abbiamo accettato volentieri e con impegno per lei, perché tutto ciò che ha fatto non fosse dimenticato. Il nostro banco di Natale è ancora questo: gustare insieme la bellezza della nostra amicizia e farla vedere, in modo da poterla davvero offrire a tutti".
Monica Mazzei e le "mamme del Banco di Natale"